mercoledì 17 luglio 2019

Che cosa fare quando si rimane in tre giocatori

Published on novembre 25, 2013 by   ·   No Comments

Quando in una partita di Poker Texas Holdem si rimane in 3 giocatori e sono tre i posti pagati, scatta nella mente di ogni player la consapevolezza di avere raggiunto un traguardo fondamentale, cioè quello di avere realizzato comunque un guadagno. Accade addirittura che si pensi di affrontare la restante parte della partita come se si partecipasse a un free-roll, nell’errata considerazione che l’obiettivo sia stato già raggiunto e si possa continuare a giocare per il solo divertimento.

In tale situazione, è necessario resistere in ogni modo a questa falsa sicurezza. Infatti, se da un lato è vero che andare a premio significa aver realizzato un guadagno, è altrettanto vero che il profitto che si realizza giungendo in prima posizione è superiore al doppio che si otterrebbe classificandosi terzo. In altri termini, lo scopo di ogni player è quello di massimizzare il proprio guadagno e, pertanto, giocare in maniera superficiale consci di essere comunque arrivati in zona premi significa perdere di vista questo scopo.

Da un punto di vista squisitamente pratico, quando si rimane in tre giocatori è il momento di aumentare la propria aggressività effettuando un numero elevato di tentativi di furto e contro furti dei bui oppure effettuando dei call o dei limp, anche con mani marginali, quando il piatto non è destinato ad assumere grandi proporzioni nella fase preflop. Questa strategia che non da tregua agli altri due player rimasti rafforzerà in loro la convinzione iniziale, quella cioè di avere già ricevuto la loro ricompensa mettendo a nudo i loro errori ovvero le loro debolezze.

 

Tags: , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.