martedì 15 Ottobre 2019

Vocabolario del Poker – Lettera D

Published on Gennaio 24, 2012 by   ·   No Comments

Vi presentiamo il Glossario del Poker, un vero e proprio vocabolario online con il significato dei termini più utilizzati nel poker – Nella seguente guida i termini più utilizzati nel Poker:

GLOSSARIO POKER – Lettera D
D: acronimo di diamonds

Day1 (day2, 3 etc): In un torneo MTT è il giorno di gioco

Dead button: termine che sta ad indicare l’assenza del giocatore alla sinistra del dealer (perché eliminato ad esempio) e che provoca lo spostamento del BTN con conseguente mancanza del piccolo buio

Dead man’s hands: Modo un po’ folkloristico di indicare doppia coppia di assi seguita da 8. Si dice fosse la mano che aveva il pistolero wild bill hickok nel momento in cui
perse la vita assassinato alle spalle.

Dead money: le chips messe nel piatto da giocatori che non possono più partecipare alla mano. È diventato anche un modo per sbeffeggiare quei giocatori particolarmente deboli che non hanno speranza di vincere il torneo.

Dead zone: una delle zone del sistema descritto da Harrington: in dead zone abbiamo un valore in M minore di 1

Deal: accordo fra due o più giocatori (ad esempio sulla spartizione del montepremi)

Dealer: colui che distribuisce le carte ai giocatori seduti al tavolo

Dealer choice: Un gioco in cui colui che ha il bottone decide la variante di poker da eseguire

Dealt rake: nel cash game un sistema che prevede la distribuzione della rakeback a tutti i giocatori seduti al tavolo, indipendentemente che abbiano preso parte alla mano

Deception
: Termine per indicare un inganno o una trappola

Deck: in inglese, il mazzo di carte

Deep: aggettivo adoperato spesso in riferimento a un player con uno stack molto grande, superiore ai 100bb

Dog: il giocatore con la minor possibilità di vincere il piatto

Delayed continuation bet: una continuation bet ritardata: ad esempio invece di uscire puntando al flop, la stessa azione viene fatta al turn

Deucescracked: Uno dei più celebri siti di video coaching

Diamonds: In inglese, il seme dei quadri

Dirty outs: outs che potrebbero non darci la mano vincente

Divorce: K e Q

Dolly parton: starting hand 9-5

Dominated: in riferimento a una mano con poche possibilità di vittoria su un’altra, ad esempio: Asso e Jack contro Asso e Kappa

Don: acronimo per double or nothing, una tipologia di torneo in cui il 50% dei giocatori andrà a premio raddoppiando il proprio buy-in

Donator: giocatore perdente che perseverando nel suo pessimo poker fa dono delle sue chips e dei suoi soldi a tutti gli altri

Donk: Asino, aggettivo dispregiativo usato per indicare un giocatore non particolarmente capace

Donkaments: un torneo con tanti giocatori iscritti

Donkbet: puntata fuori posizione contro un giocatore che ha aperto

Doomswitch: una maledizione che si abbatte sul nostro account, facendoci perdere tutti i colpi con bad beat e cooler continui

Door card: nello stud è la prima carta scoperta che ci viene distribuita

Double Barrell: puntare su due street, ad esempio al flop e al turn.

Double or nothing: torneo sng dove la metà dei partecipanti viene premiata

Double-up: raddoppiare lo stack

Downswing: periodo di varianza negativa in cui il nostro bankroll scala vertiginosamente

Drag: vincere il piatto

Draw: Una mano come una scala o un colore che ha bisogno di una quinta carta per completarsi

Drawin dead: Mano chiusa prima del river, perché indipendentemente dalle carte che usciranno uno dei due avversari non ha modo di superare il punteggio dell’altro

Dry flop: un flop senza progetti di scale o colori

DUP
: acronimo di duble-up

Ducks: soprannome della coppia di 2

Dump: foldare una mano

Tags: , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.