mercoledì 4 Agosto 2021

Poker Texas – Partire da Zero

Published on Gennaio 2, 2012 by   ·   No Comments

Esiste un celebre detto che recita in questo modo: “chi ben comincia è a metà dell’opera”. Nel texas holdem questo principio, più che in ogni altro settore, riveste un’importanza fondamentale.

Se abbiamo deciso di dedicarci a questo gioco e vogliamo farlo con l’intenzione di non rimetterci i nostri risparmi, probabilmente tante domande ci frullano nella testa: in quale poker room giocare? Quanto investire? Quale specialità?

Andiamo con ordine, tanto per cominciare dobbiamo fare i conti con le nostre finanze e il nostro livello di partenza, perché la cifra da depositare dipende essenzialmente da questi due fattori. Se siamo studenti universitari senza fonti di guadagno stabili probabilmente non vorremmo depositare 200 euro in una poker room col timore di perderli nel giro di qualche giorno. Magari ci piacerebbe iniziare a giocare senza investire un centesimo, soltanto che forse sarebbe troppo bello per essere vero. Invece è bello ed è anche vero, anche senza versare nulla è possibile costruirsi un mini-bankroll che ci permetta di giocare. Il nostro cammino sarà più lento ma in compenso potremo cominciare a familiarizzare con le dinamiche ai tavoli, che è il metodo migliore per farsi le ossa.
Il giocatore professionista di full tilt poker Chris Ferguson, nel 2007 lanciò una sfida per dimostrare a tutti come fosse possibile, anche partendo da 0, riuscire a guadagnare cifre importanti ai tavoli. A Settembre, senza aver mai rischiato un centesimo di tasca propria Ferguson aveva già raggiunto la ragguardevole somma di 10000 dollari! Il pro era riuscito nella sua impresa prendendo parte inizialmente a molti freeroll per poi investire il suo profitto in tornei dai buy-in più sostanziosi.

I freeroll sono tornei a buy-in zero, quindi gratuiti che però garantiscono ai vincitori premi in denaro. Ogni poker room ha nel suo palinsesto giornaliero tornei del genere, non faticherete a trovarne. Possono essere aperti a tutti (e quindi con un field di partenza che quasi sempre supera i 1000 giocatori) oppure riservati, organizzati da qualche community di poker online per promuovere il proprio sito. Lo svantaggio è che generalmente affronterete una miriade di giocatori che si daranno battaglia in tornei interminabili, i vantaggi però sono evidenti: potrete giocarne quanti vorrete senza spendere nulla e imparando qualcosa del gioco perché a differenza del playmoney (il gioco a soldi finti) in un freeroll gli avversari saranno leggermente più oculati, dandovi modo di entrare più in confidenza con certi meccanismi. Una volta raggiunta una cifra, ipotizziamo di 100 euro, avrete già un mini-bankroll e quindi dovrete occuparvi di gestirlo nel migliore dei modi (nell’articolo: la gestione del bankroll troverete qualche suggerimento). Considerate voi stessi come un’azienda. Il bankroll è il capitale a disposizione di quell’azienda, se lo gestiamo malamente o investiamo tutto in un’unica sciagurata azione la nostra azienda fallirà. Noi non vogliamo che questo avvenga e non vogliamo che le nostre sorti siano nelle mani del caso, per questo dobbiamo osservare con scrupolo il bankroll management.

Anche se decidiamo di saltare il passo dei freeroll caricando 100 euro (il mio consiglio è di non iniziare mai con meno) dobbiamo allontanare dalla nostra testa pensieri parassiti del tipo:”tanto se li perdo ne carico altri 100”. Se davvero avete questa possibilità, perché non caricarne 200 direttamente così da sfruttare i bonus di benvenuto delle poker room? Il principio resta sempre lo stesso: se decidete di investire 100 euro per far crescere la vostra azienda, dovrete agire coscienziosamente basandovi su questa cifra, senza pensare che tanto, male che vi vada, aprirete un’altra azienda.

Per la scelta della poker room cercate quelle Poker Room con regolare licenza italiana AAMS per giocare in modo sicuro e legale e recensite da Poker-Texas.it. Scegliete le Poker Room che offrono i migliori bonus di benvenuto, così da raddoppiare il vostro capitale iniziale. Il bonus vi verrà versato quasi sempre a scaglioni. Per esempio, se caricate 200 euro e il bonus di benvenuto è del 100% riceverete 200 euro a scaglioni di 10 o 20 euro per volta fino a quando non avrete sbloccato interamente tutto il bonus a vostra disposizione. L’unico modo per farlo è giocare: completando un certo numero di tavoli sbloccherete i vari scaglioni da 10 o da 20.

Ma che specialità giocare?

Il mio consiglio è quello di iniziare dai sit&go micro perché li troverete un livello medio molto soft e inoltre è una modalità di gioco relativamente più semplice e meccanica e dunque che più si addice ai principianti rispetto al cash o ai multi tavolo. Fra i sit&go a 6 giocatori e quelli a 9 giocatori è preferibile giocare gli ultimi: tanti giocatori al tavolo significa anche ritrovarsi poche volte di grande buio e quindi poter mantenere uno stile più TIGHT. Ci siamo avvicinati al poker da poco, minore è il numero di mani che giochiamo, minori sono le possibilità di commettere errori e contro gli avversari che troverete a quei livelli per vincere non avremo bisogno di uscire dal cilindro la giocata o il colpo spettacolare, basterà sbagliare meno di loro.

Il passo successivo è molto semplice: capire quale modalità vi piace di più. Farsi le ossa, se siete alle prime partite, è purtroppo necessario ma non dimenticate mai che anche se il vostro intento è quello di guadagnare qualcosa, questo resta comunque un gioco e dunque è fondamentale che vi risulti piacevole: se la specialità che avete scelto non vi piace, tenere testa ai tilt e ai momenti negativi sarà impresa quasi impossibile.

Tags: , , ,